Header

Breadcrumb

Home  > Articolo
LOG-IN
Login


Mappa "Barocco Pugliese"

==>Multimedia

Ceglie Messapica

Il biscotto di Ceglie Messapica

Immagine Articolo
Il biscotto di Ceglie Messapica è un tipo di pasticcino che fa parte del patrimonio culinario del comune di Ceglie Messapica che ha avviato la procedura per ottenere dall’Unione Europea, la Denominazione di Origine Protetta.
Il biscotto, dal colore bruno, è a base di mandorle che, vengono tritate, macinate e poi tostate. Le varietà di mandorle più utilizzate oltre a quella “Cegliese” , che si distingue per il guscio semiduro, sono “Fragiulio”, “Tuono”,e “Filippo Ceo”.
Gli ingredienti sono: mandorle tostate, zucchero, buccia di limone, essenza di vaniglia, rosolio di caffè e glassa di zucchero e cacao.
Il biscotto può essere ripieno di marmellata di amarene, ciliegie, uva o prugne.
Secondo la tradizione, i biscotti cegliesi erano prodotti dalle famiglie contadine in occasione di feste importanti e di banchetti nuziali.
Si narra che depositario della ricetta originale fosse un certo Donato Gallone, il quale, nel primo decennio del secolo scorso, aveva aperto a Ceglie una caffetteria, molto frequentata dai cacciatori che, soprattutto al mattino presto, erano soliti fermarsi per un caffè. Qui si mangiavano anche i tipici biscotti preparati con uova, ammoniaca, farina e latte. Proprio del locale era il cosiddetto “mostacciolo”, un biscotto preparato con vincotto e mandorle. Al papà Donato succedette il figlio Domenico Gallone che divenne proprietario della caffetteria. Un giorno, una suora del convento domenicano, madre Antonia, trovò casualmente in una brocca la ricetta d li pisquettl (pisquette in dialetto cegliese significa biscotto) e la donò al suo amico Domenico, così che la tradizione si tramandò di generazione in generazione.
La prima vendita d li pisquettl risale all’incirca all’inizio del 1900 e da allora la loro fama non si è mai affievolita.

Informazioni

Il comune di Ceglie Messapica ha aderito a un progetto avviato dalle Facoltà di Agrariae di Medicina Veterinaria dell’Università di Bari con i comuni di Cisternino, Martina Franca, Locorotondo, Castellana Grotte, Noicattaro e Sammichele di Bari, con l’intento di valorizzare i prodotti tipici locali attraverso l’educazione alimentare ed eventi culturali ed enogastronomici.

Info: http://www.ceglieincucina.com/ita/monografie

Bibliografia

Gli alunni della scuola elementare E.De Amicis e della scuola media G. Pascoli di Ceglie Messapica (1999), Ceglie da scoprire, collana GIRAPUGLIA diretta da L. Stefanelli, Bari, Ed. Palomar

Regione Puglia – Assessorato alle Risorse Agroalimentari, (2006) Atlante dei prodotti tipici agroalimentari di Puglia, Edizioni EDIT Copyright