Header

Breadcrumb

Home  > Articolo
LOG-IN
Login


Mappa "Barocco Pugliese"

==>Multimedia

Villa Castelli

La masseria Antoglia - Villa Castelli

Immagine Articolo

La masseria si evolve dal 1400 al 1700 su una vasta proprietà agraria che comprende anche il Castello Ducale insieme ad altre masserie. La comune struttura a castello feudale con torri merlate e il nome della contrada in cui sorge, Li Castelli, ha dato origine al toponimo Castelli del paese. La struttura originale della masseria comprende abitazioni, stalle, granai, frantoio, neviera, cappella ed è dunque un vero agglomerato urbano. La torre merlata viene costruita verso la fine del 1400, forse su una preesistente fortificazione normanna, ora adibita ad abitazione. La masseria, dapprima proprietà del principe Orsini di Taranto, passa a Giacomo dell'Antoglietta barone di Monteiasi. Diventa, così, feudo della famiglia Imperiali, marchesi di Francavilla Fontana. Con l'estinzione della discendenza degli Imperiali, tutti i beni del feudo vengono rilevati dal regio fisco. Nel 1792 il duca di Monteiasi, Gioacchino Ungaro, discendente di Giacomo dell'Antoglietta, acquista la proprietà. Il figlio Carlo, suo erede diretto, dà in enfiteusi parte delle terre, per promuovere la piccola proprietà. Il cognome Antoglietta origina il toponimo Antoglia della masseria.

Informazioni

Incrocio tra strada vicinale Antoglia e strada vicinale Grottaglie-Francavilla.

Accessibile ai diversamente abili

Bibliografia

Chirulli, A.G. (2008) Masseria Antoglia in Villa Castelli, il Balcone dell'Altosalento, Comune di Villa Castelli

Gernone, A. (2004) Masseria Antoglia, in Villa Castelli, Carta toponomastica, Comune di Villa Castelli.