Header

Breadcrumb

Home  > Articolo
LOG-IN
Login


Mappa "Barocco Pugliese"

==>Multimedia

Alberobello -  Fasano -  Monopoli -  Polignano a Mare

Il Barattiere

Immagine Articolo
Il Barattiere è una cucurbitacea appartenente alla specie Cucumis melo L.. I suoi frutti si consumano immaturi, allo stadio “verde”, in alternativa al cetriolo, rispetto al quale si digeriscono meglio. Si mangiano crudi, senza condimento oppure cosparsi di sale nelle insalate o ancora come accompagnamento di purea di fave o pasta con sugo di pomodoro fresco e cacioricotta.
Si distingue dal carosello essenzialmente per la forma dei frutti, tendenzialmente sferica o sub sferica, leggermente affusolata nella zona peduncolare. La superficie è glabra, di colore dal grigio al verde; la polpa è di colore verde chiaro; rosata nei frutti più maturi; dapprima croccante, man mano che il frutto matura diventa sempre più soffice e profumata. I frutti raggiungono un peso che va da 200 gr ad oltre 1 kg e vengono prodotti in numero di 2-10 per pianta. Presentano proprietà rinfrescanti, sono molto digeribili, hanno un elevato contenuto in potassio e basso di zuccheri e sodio: caratteristiche che ne fanno un alimento indicato nelle diete iposodiche e ipoglicemiche.
L’impianto della coltura avviene o per semina diretta o trapianto sia in pien’aria, in piccoli tunnel ed in serra per anticipare o ritardare la raccolta a fine  estate-inizio autunno. La raccolta viene effettuata scalarmente quando la polpa nei frutti si presenta consistente e croccante. Man mano che il frutto cresce, i semi si ingrossano e diventano duri: per questo vanno eliminati ma in tal modo la percentuale di scarto è maggiore.
Esiste una grande varietà di tipologie, sia nella dimensione che nel colore dell’epicarpo; e i nomi derivano oltre che dal colore e dalla forma, anche dalle zone di coltivazione dei frutti (Barattiere di Fasano, Mezzo lungo di Polignano, Tondo liscio di Manduria).
In Puglia le zone più importanti per la coltivazione del BARATTIERE sono dislocate nelle provincie di Bari (Bari, Polignano a Mare, Monopoli, Alberobello, Mola di Bari), Brindisi (Fasano).
Curiosità: il nome barattiere si riferisce probabilmente alla facilità con cui in passato veniva barattato in campo.

Bibliografia

Sada, L. (1977) Puglia in bocca, Palermo, Editrice de “Il Vespro”.
Regione Puglia – Assessorato alle Risorse Agroalimentari, (2006) Atlante dei prodotti tipici agroalimentari di Puglia, Edizioni EDIT Copyright
Conversa, G.et al.(2005) Caratterizzazione e valorizzazione di due tipici ortaggi pugliesi: carosello e barattiere in Colture Protette, nr.34

Altri articoli